Malandrina

18.00

“MALANDRINA”
Denominazione origine controllata- “MATERA MORO”

Colore: rosso rubino profondo con lievi riflessi granati

Profumo: intenso e persistente, con sentori di confettura, dati dal leggero appassimento delle uve, speziato.

Sapore: caldo, di gran corpo, appena tannico, dovuto per lo più al vitigno “Primitivo”, ma vellutato e speziato

Inizia il confronto

Esaurito

Prodotto da: Masseria Cardillo
COD: gdb-4098web- Categorie: , , , ,

Descrizione prodotto

Etichetta
Denominazione di origine controllata. Grande vino ottenuto nel pieno rispetto della Matera DOC, unendo un vitigno di base autoctono con grandi vitigni internazionali.
Consigli
Temperatura di servizio: 18° CQR Code

Informazioni aggiuntive

Origine

Basilicata

Formato

750 ml

Annata

2012

Classificazione

DOC

GRADAZIONE

14,5 %

Vitigno

Cabernet, Merlot, Primitivo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Malandrina”

Oppure accedi con

masseria-cardilloNel Metapontino, sede di una delle più importanti colonie greche della Magna Grecia, sulle colline che da Bernalda degradano verso la valle del fiume Basento è ubicata la “Masseria Cardillo” di proprietà della famiglia Graziadei dal 1600. In questo fertile territorio si sono sviluppati i culti di numerose divinità portate in occidente dai coloni. A Dioniso è stato sempre riservato un ruolo centrale in tutte le fasi di vita della città. La struttura geologica del terreo di tipo calcareo con ricca presenza di ciottoli e ghiaia ed il clima temperato rende la zona particolarmente adatta alla coltura della vite.

Numerose testimonianze archeologiche confermano la diffusione tra i Greci di Metaponto e tra la popolazione indigena locale del consumo di vino. Molti documenti parlano anche di viticolture nei poderi di proprietà di grandi monasteri della zona.

I relativi vitigni sono oggi allo studio dell’Università di Basilicata. L’Azienda, di circa 300 ha, con il suo centro aziendale posto sulla parte dominante della collina prossima al santuario di San Biagio ed al fosso della Vinella, si compone di numerose costruzioni che testimoniano l’evoluzione da una monocoltura cerealicola ad una agricoltura specializzata viticola ed olivicola. Questa trasformazione ha portato ad un diverso utilizzo degli antichi edifici.