Questa storia… Deve cominciare

Per fare un viaggio in Basilicata ti servirà una forchetta, un po’ arrugginita.

E una tovaglia, magari macchiata, che ti racconti dei commensali, delle risate dello zio panciuto, del pettegolezzo della zia zitella (acida).


Di macchie, che spazieranno dal magenta dell’Aglianico al rosso del San Marzano. Ci sarà il giallo dell’oro liquido dei frantoi, il paglia dei rigonfiamenti, morbidi e ospitali, della collina materana. Il bianco (sì, proprio bianco) melanzana, il crema di una mozzarella che sa di pascolo e povertà, di grasse e di vacche, magre. Di pioggia, alluvioni e tuoni per scacciar via il maltempo. Di “pilacci” e “sponzamenti”, in una tavolozza di grammatica e colori che dovrai imparare a… masticare, prima di accomodarti su sedie intagliate in paglia e tovaglie con trame di vita vissuta.


Per fare un viaggio in Basilicata ti servirà del tempo. Ed un grammofono, a batterlo, quel tempo.


QR Code

Lascia un tuo commento

Oppure accedi con
Translate »
WordPress Lightbox

INSERISCI LA TUA EMAIL

10%

Ottieni subito uno sconto del 10%.

Continuando a navigare sul nostro sito accetti l'uso dei cookie Leggi tutto

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close